lunedì 19 maggio 2008

Microsoft costa meno di Linux

Prosegue il lancio su scala mondiale del nuovo Eee PC 900, l'ultimo laptop a basso costo della Asus. I debutti di questi giorni sui diversi mercati nazionali dimostano come Asus abbia pensato a particolari strategie di marketing ad hoc per vendere il proprio notebook nei singoli paesi. Stando alle informazioni fornite dal responsabile di Asus, almeno in Australia il laptop dotato di sistema operativo Microsoft dovrebbe costare circa 599 dollari australiani (circa 370 Euro), ovvero 50 dollari in meno rispetto al modello equipaggiato con Linux. Per il momento non è possibile sapere per quale motivo in Australia una versione con software proprietario possa costare meno rispetto a quella con sistema operativo opensource. La lieve differenze nell'equipaggiamento hardware del modello con Windows XP sembrava essere proprio giustificata dalla necessità di compensare i costi della licenza per il sistema operativo di Microsoft , offrendo così i due modelli allo stesso prezzo. Se confermato, il caso dell'Australia potrebbe anche dimostrarsi un evento isolato nei complessi meccanismi del marketing approntati da Asus per il suo notebook low cost.
Non si sa ancora quando sarà il debutto italiano dell'Eee PC, la cui data di uscita non dovrebbe discostarsi molto dal'arrivo previsto per maggio in Gran Bretagna e Francia.