martedì 20 maggio 2008

Eolo

Oggi ho ricevuto una mail, una specie di catena che abitualmente non leggo mai. Questa volta l’ho fatto e ho letto delle cose che non sapevo e che, a dire la verità, mi hanno lasciato interrogativo sulla testa (ma poi alla fine sapendo come funzionano le cose neanche tanto grande).

Dunque . . .

“Guy Negre, ingegnere progettista di motori per Formula 1, che ha lavorato alla Williams per diversi anni, nel 2001 presentava al Motorshow di Bologna una macchina rivoluzionaria: la "Eolo" (questo il nome originario dato al modello), era una vettura con motore ad aria compressa, costruita interamente in alluminio tubolare,fibra di canapa e resina, leggerissima ed ultraresistente.
Capace di fare 100 Km con 0,77 euro, poteva raggiungere una velocità di110 Km/h e funzionare per più di 10 ore consecutive nell’uso urbano. Allo scarico usciva solo aria, ad una temperatura di circa -20°, che veniva utilizzata d’estate per l’impianto di condizionamento. Collegando Eolo ad una normale presa di corrente, nel giro di circa 6 ore il compressore presente all’interno dell’auto riempiva le bombole di aria compressa, che veniva utilizzata poi per il suo funzionamento. Non essendoci camera di scoppio né sollecitazioni termiche o meccaniche la manutenzione era praticamente nulla, paragonabile a quella di una bicicletta. Il prezzo al pubblico doveva essere di circa 18 milioni delle vecchie lire, nel suo allestimento più semplice”. La mail continua dicendo che il sito www.eoloauto.it venne subissato di richieste di prenotazione, lo stabilimento era in costruzione, la produzione doveva partire all’inizio del 2002 . . . e invece nulla. A quanto pare i 90 dipendenti dello stabilimento sono in cassaintegrazione senza aver mai prodotto un’auto. Magari mi sbaglio, ma questa cosa mi ha fatto venire in mente una notizia che avevo letto da qualche parte anni fa, quando qualcuno aveva realizzato un motore per auto, in grado di funzionare ad acqua, salvo poi vendere il brevetto ad un petroliere.
Sarà vero?

2 commenti:

Anonimo ha detto...

anche io ho ricevuto questa mail

erriquezz ha detto...

il progetto eolo è abbastanza "consolidato", ormai erano pronti i primi prototipi marcianti. I problemi che ha riscontrato Eolo riguardano soprattutto il "combustibile": fa ghiacciare la condensa nel motore. Queste sono le conclusioni "ufficiali". Per maggiori info:

http://it.wikipedia.org/wiki/Eolo_%28auto%29

Purtroppo, al di là delle speculazioni dei petrolieri, il motore a scoppio è attualmente la migliore soluzione possibile...:(